Type and press Enter.

Vivere semplicemente: 5 suggerimenti prima di creare la cucina

Qualche post fa vi raccontavo della mia nuova cucina qui al Little Cottage. Se vi state chiedendo se ho smantellato la vecchia cucina? La risposta è ancora no. Se vi state chiedendo il motivo di questa strana domanda è perché non avete letto il post che trovate qui. Poi capirete…

Visto e considerato che negli ultimi anni ho avuto diverse cucine, e non escludo che questa sia l’ultima, ho deciso di fare un piccolo elenco di suggerimenti per organizzare la cucina al meglio. Per voi e per ricordarli alla me del futuro nel caso decidessi di farne un’altra. 

1. Non copiate la cucina di altre. Non perché sia eticamente scorretto altrimenti sai quante cucine scopiazzate dalle riviste bisognerebbe smantellare… ma perché ogni cucina è come un vestito e deve essere adeguato a chi la userà. Colori, materiali e soprattutto la disposizione deve essere qualcosa che si adatti a voi e alle vostre abitudini. 

Questo è uno sbaglio che credevo di aver fatto anche io con la mia ultima cucina. La avevo pensata e pianificata tanto che quando l’abbiamo conclusa non so perché, non mi decidevo ad usarla. Forse perché non era ciò di cui avevo bisogno? Poi ho capito. Pensavo che fosse troppo delicata per me che ho sempre cucinato come se dovessi organizzare banchetti reali poi con calma ho ripensato che tutti quegli accorgimenti io gli avevo presi in considerazione al momento della progettazione. Ora è amore.

2. Create una cucina da amare. Io sono dell’idea che le cucine vadano vissute in ogni dettaglio. Pur avendo delle vetrinette dove mettere in mostra le mie porcellane periodicamente le cambio diposizione e riservo alcuni ripiani per l’utilizzo settimanale. Ho deciso di utilizzare  ogni oggetto della cucina anche quelli mai usati prima perché troppo delicati e preziosi nonostante le circostanze. Conservarli per cosa? Il peggio che vi potrebbe accadere è quello di romperli senza averli mai usati e vissuti davvero.

3. Organizzate gli spazi e gli oggetti in modo flessibile perché si sa con il tempo le abitudini e le esigenze cambiano. Se prima inorridivo nel vedere mescolare vari servizi ora ci ho preso gusto e adoro apparecchiare la tavola accostando oggetti in legno fai da te a oggetti più sofisticati e preziosi. Giocare con colori, forme e materiali rallegrerà la vostra tavola sempre non solo nelle giornate importanti. Perché ogni colazione, pranzo o cena è importante per non parlare del momento della merenda in cui noi a casa diamo il nostro meglio ad apparecchiare come se fosse festa!

4. Decluttering. Quale momento migliore di fare ordine e spazio? Al cambio di stagione? Io non seguo uno schema fisso anche perché seguire le stagioni qui in Svezia sarebbe difficile. Un autunno-inverno infinito, un accenno di primavera e un’estate che dura spesso quanto un raffreddore…figuriamoci se ho voglia di passarlo a fare pulizie stagionali.

Così ho preso l’abitudine di cambiare settimanalmente a rotazione la disposizione di un ripiano, di un cassetto. In questo semplice modo pulisco e porto alla luce oggetti che altrimenti resterebbero a prendere polvere in qualche angolo della cucina, senza stress. Grazie a questa ridistribuzione periodica sperimento nuove disposizioni in cucina, scaccio la monotonia e soprattutto faccio valutazioni di volta in volta di cosa tenere, cosa usare di più e di cosa liberarmi.

5. Non ascoltate nessuno. O meglio ascoltate, valutate e poi dopo aver educatamente ringraziato per il consiglio fate come meglio credete. Non ritrovatevi con la cucina sbagliata per voi consigliata dalla zia o amica di turno per poi ritrovarvi sole, voi e la vostra cucina.

E voi che tipo di consigli avete maturato nel tempo? Sono proprio curiosa di sapere. Mi raccomando: scrivetelo nei commenti qui sotto in modo da trarre spunti tra di noi.

A presto, 

Antonella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *